XXXI Domenica ordinario B (2 omelia) – Amerai Dio, amerai il prossimo come te stesso

Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?».
Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi».
Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici».
Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.
__________________________________________________________

Il Vangelo di questa Domenica ci invita, nella domanda e nella risposta che viene data, a riflettere su una componente fondamentale dell’animo e della vita umana: la capacità di amare, la qualità dell’amore, e quanto bisogna amare, Vi possono essere dei limiti?
La parola amore deriva dal Sanscrito, alcuni sostengono derivi dal latino, se andiamo a leggere nell’enciclopedia Treccani viene data questa definizione:
“Sentimento di viva affezione verso una persona, che si manifesta come desiderio di procurare il suo bene e di ricercarne la compagnia.”

Alla domanda dello Scriba, una persona che è sinceramente in ricerca su qual’è “il comandamento più grande” potremmo tradurre qual’ è il senso della vita; ebbene gli viene indicato l’ amore. Sembrerebbe un assurdo non si può comandare di amare a nessuno. Non si può essere costretti ad amare, amare implica una scelta, la libertà, il sentimento. Io posso rispettare, ubbidire, temere ma nessuno mi può imporre di amare.

Questa parola è come un diamante che presenta diverse sfaccettature, proviamo a distinguerne alcune. Potremmo caratterizzare e parlare dell’amore coniugale, dell’amore dei genitori nei confronti dei figli, dei figli verso i genitori, ma io vorrei esplorare assieme a voi quel particolare tipo di amore che è l’amicizia. Anche perché Gesù dice ai suoi “non vi chiamo più servi, ma amici” (Gv 15, 9-17)

Nell’ incontro fra la volpe e il principe, ne: Il piccolo Principe, de Exupéry fa dire alla volpe: “Vieni a giocare con me”, disse la volpe, “non sono addomesticata”. … Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo.” “Comincio a capire”, disse il piccolo principe.”

In cui addomesticare non significa quello che comunemente intendiamo, ma rendere domestico, familiare e nello stesso tempo unico. La volpe non sarà più uguale “alle centomila volpi”, ma sarà unica e sia lei che il principe si completeranno in un’esperienza irripetibile, diversa da tutte le altre.

Vi è un bellissimo episodio di due ragazzi Ted e Frank, amicissimi che assieme decisero di arruolarsi nell’ esercito. Furono fortunati e finirono nello stesso battaglione che fu mandato in guerra. Dopo un’azione al rientro Ted non c’era. L’amico lo cercò tra i morti e i feriti, nulla. Il nome di Ted era fra i dispersi. Frank chiese al comandante di andarlo a cercare: permesso negato, si combatteva ancora. Frank partì ugualmente e trovò
l’amico se lo caricò sulle spalle , ma fu colpito. Si trascino lo stesso fino al campo. Il comandante gli disse: “Valeva la pena morire per salvare un morto?” “ Sì, perché prima di morire, Ted mi ha detto: Frank sapevo che saresti venuto”

“Sapevo che saresti venuto” ecco il grande valore dell’amicizia e di saper amare sul serio non solo a parole.
Non è poi difficile poi pensare a Gesù che viene a cercare l’uomo per indicargli la via dell’amore vero, per chi crede, ma anche per chi non crede: l’ amore è il miracolo che trasforma il cuore degli uomini, la vita, il mondo quando è autentico, sincero.

Gesù pone al primo posto l’amore  a Dio e dopo l’amore al prossimo, in realtà sono inscindibili e vengono a costituire un tutt’uno. Spesso si riduce anche l’esperienza di fede a una specie di filantropismo in cui fare qualcosa di buono per gli altri ci fa sentire a posto e di essere già a posto con Dio, ma esaminiamo bene quello che Gesù di dice. Dice di amare l’altro come te stesso. Questo dovrebbe obbligarci a guardare dentro noi stessi. Ma noi siamo poi sicuri di amarci? Così come siamo, con i nostri limiti, difetti dubbi, incertezze? Certo impegnandoci a migliorare, perché poi allo stesso modo dovrò accettare l’altro che devo amare.

Ecco, quindi il comandamento dell’amore a Dio. Lasciati amare da Dio che ti conosce molto di più di quello che tu sai di te stesso, ma ti accetta come sei e accettandoti e amandoti come sei ti rende capace di amare ciò che non è amabile.
Vi è una frase: “ Dio ci ama non perché siamo meritevoli, ( un amore condizionato) ci ama non perché buoni, ma amandoci, ci rende buoni.
Il Signore ci ama anche in questa Messa e ci rende buoni e capaci di amare gli altri come Lui li ama. Un amore rivolto all’uomo, ma che trova il suo inizio fuori dall’uomo: amerai Dio, amerai il prossimo.

Guardiamo in noi e chiediamoci: ” Sapremo percorrere la via dell’ amore a Dio e al prossimo anche quando la strada diventa difficile, anche quando il prossimo da amare diventa difficile? La risposta va cercata dentro ciascuno di noi.

Deo gratias, qydiacdon

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.