Una riflessione sul velo Islamico

 

Coloro che sono nati nei paesi democratici non possono sapere a che punto i diritti che a loro sembrano del tutto naturali sono inimmaginabili per altri che vivono nelle teocrazie islamiche. Avrei meritato, come qualsiasi essere umano, di essere nata in un Paese democratico, non ho avuto questa fortuna, allora sono nata ribelle. Ma che cos’è portare il velo, abitare un corpo velato? Cosa significa venire condannata a essere chiusa in un corpo velato perché femminile? Chi ha il diritto di parlarne?

Avevo tredici anni quando la legge islamica si è imposta in Iran sotto la ferula di Khomeini rientrato dalla Francia con la benedizione di molti intellettuali francesi. (…)    

Perché si velano le ragazze, solamente le ragazze, le adolescenti di sedici anni, di quattordici anni, le ragazzine di dodici anni, di dieci anni, di nove anni, di sette anni? Perché si nascondono i loro corpi, la loro capigliatura? Che cosa significa realmente velare le ragazze? Che cosa si cerca di inculcare, di instillare in loro? Perché all’inizio non sono loro ad avere scelto di essere velate. Sono state velate. E come si vive, si abita un corpo di adolescente velata? Dopo tutto, perché non si velano i ragazzi musulmani? I loro corpi, le loro capigliature non possono suscitare il desiderio delle ragazze? Ma le ragazze non sono fatte per avere desideri, nell’islam, solamente per essere l’oggetto del desiderio degli uomini.
Non si nasconde ciò di cui si ha vergogna? (…)

Presso i musulmani, una ragazza, dalla sua nascita, è un’onta da nascondere poiché non è un figlio maschio. Essa è in sé l’insufficienza, l’impotenza, l’inferiorità… Essa è il potenziale oggetto del reato. Ogni tentativo di atto sessuale da parte dell’uomo prima del matrimonio è colpa sua. Essa è l’oggetto potenziale dello stupro, del peccato, dell’incesto e anche del furto dal momento che gli uomini possono rubarle il pudore con un semplice sguardo. In breve, essa è la colpevolezza in persona, giacché essa crea il desiderio, esso stesso colpevole, nell’uomo. Una ragazza è una minaccia permanente per i dogmi e la morale islamici. Essa è l’oggetto potenziale del crimine, sgozzata dal padre o dai fratelli per lavare l’onore macchiato. Perché l’onore degli uomini musulmani si lava con il sangue delle ragazze!

Da: Giù i veli; Charlotte Javanne ed. Lindau

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.