Seti

Non appena Dio creò l’uomo, si mise subito in ascolto, da buon padre, dei bisogni e delle richieste di quella sua nuova, inconsueta creatura. “Ho fame e sete”, disse subito l’uomo.
Dio gl’insegnò come cibarsi: gl’indicò le sorgenti, gli alberi da frutta e i favi delle api, i cespugli di bacche e mille altre leccornie prodotte dalla terra. Ma l’uomo, saziata fame e sete, fece altre richieste. “Ho sete di protezione e di riposo”, disse.
Dio gl’insegnò come utilizzare le mani, cosa che non aveva mai fatto con nessun’altra delle sue creature. L’uomo si costruì una capanna ed un giaciglio, ed ebbe la soddisfazione di udire la pioggia tamburellare sul suo capo mentre lui, all’asciutto, lasciava vagabondare i suoi pensieri. “Ho sete di piaceri”, disse poi, forse impigrito dal troppo dormire.
Dio lo accontentò. Gli aguzzò i sensi, come fa un arciere con le punte della sua freccia; e l’uomo poté assaporare, in maniera tutta speciale, gusti, suoni, profumi, panorami e carezze.
Poiché queste ultime gli piacquero immensamente, l’uomo disse: “Ho sete d’amore”.


Dio fu contento di questa richiesta meno materiale delle altre e insufflò nell’anima dell’uomo un pizzico del suo soffio personale. L’uomo amò col cuore e con il corpo e fu tutt’uno con la persona amata, e comunicò con lei quasi nel modo in cui Dio, creandolo, aveva comunicato con lui.
Fu allora che Dio si sentì fare dall’uomo la richiesta a lui più cara. “Ho sete di bellezza, d’armonia e d’eternità”, disse l’uomo. Dio fu felice. Cosparse l’anima dell’uomo di un suo polline specialissimo, che teneva in serbo dall’eternità per chi, seppure molto alla lontana, gli fosse simile. E, considerata terminata la sua opera, si allontanò.
L’uomo, però, aveva ancora una sete da saziare. Si trattava, benché non lo sapesse, di una sete impossibile da estinguere ma che, colmata anche solo in parte, gli avrebbe dato una soddisfazione tale da annullare tutte le altre. Essa però lo avrebbe divorato, a tal punto da trasformarlo in un’altra creatura, odiata ma temuta dai suoi simili più di tutte.
“Ho sete di potere”, disse l’uomo. Poiché Dio era assente, gli si presentò un demone pronto ad esaudirlo. Ecco perché, di tutte le seti dell’uomo, quest’ultima sete rinascerà sempre insaziata nel suo cuore, ed avrà sempre, non la benedizione di Dio, ma la voracità del suo nemico.

Piero Gribaudi, Il Libro della Saggezza Interiore

________________________________________________________

Gesù incontra la samaritana al pozzo di Giacobbe

10Gesù le risponde: «Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: «Dammi da bere!», tu avresti chiesto a lui ed egli ti avrebbe dato acqua viva». 11Gli dice la donna: «Signore, non hai un secchio e il pozzo è profondo; da dove prendi dunque quest’acqua viva? 12Sei tu forse più grande del nostro padre Giacobbe, che ci diede il pozzo e ne bevve lui con i suoi figli e il suo bestiame?». 13Gesù le risponde: «Chiunque beve di quest’acqua avrà di nuovo sete; 14ma chi berrà dell’acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna».
(Capitolo 4 del Vangelo di Giovanni)

Da quando è venuto Gesù la sete di potere dell’uomo può essere spenta con la sorgente inesauribile dell’amore di Dio: la Carità. (dqy) 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.