Maestro non t’ importa che moriamo?

La nostra domanda:
“ Quando avvertiamo il sibilo delle tempeste che assalgono la nostra vita, vorremmo che Tu
immediatamente comandassi al vento di tacere. Ma Tu, spesso, non lo fai. Ci sarà un motivo?

La risposta:
“ Quando sentite i primi sintomi delle malattie vorreste sconfiggerle subito senza pensare di risolvere le cause,
di rimettere in equilibrio il corpo che vi sta dicendo: “Rallenta”.
Quando incrociate chi è troppo pigro, sicuro di sé o, estraniato, si frappone ai vostri progetti, vorreste toglierlo di mezzo senza provare a vedere se nelle sue ragioni c’è uno scampolo di verità per voi.   
Quando perdete ciò che dava senso alla vostra vita, urlando la vostra rabbia, vorreste riempire il buco lasciato senza cercare di capire che il vuoto è in voi stessi, nell’ anima che non è ancora capace di slacciarsi dalla proprietà per godere del possesso transitorio.

Vi lascio il tempo di comprendere… e soffro quando la durezza del vostro cuore vi fa aspettare ulteriormente.
Qualcuno aspetta tutta la vita …
Ma ve lo garantisco: ci sarà un tempo di beatitudine, io desidero soltanto la vita, anche per quelli che hanno creduto che volessi la loro morte …
_________________________________________________________
liberamente tratto da: Abbiate sale in voi stessi di P.Raimondo e S.Messina ed. Effatà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.