L’ antico avversario insinua molti pensieri perversi…

 

L’ antico avversario insinua molti pensieri perversi, per molestarti e spaventarti, per distoglierti dalla preghiera e dalle sante letture. Lo disgusta che uno umilmente si confessi; se potesse, lo farebbe disertare dalla comunione.     Non credergli, non badargli, anche se sovente ti avrà teso i lacci dell’ inganno. Ascrivile a lui, quando ti insinua cose cattive e turpi. Digli: vattene spirito impuro, arrossisci miserabile. Veramente immondo sei tu, che fai entrare nelle mie orecchie cose simili. Allontanati da me, perfido ingannatore; non avrai nessun posto in me: presso di me starà Gesù, come un combattente valoroso; e tu sarai svergognato.
Preferisco morire e patire qualsiasi pena, piuttosto che cedere a te. Taci, ammutolisci; non ti ascolterò più, per quante insidie tu mi possa tendere.
“Il Signore è per me luce e salvezza di chi avrò paura”” ( Salmo 26,1)

Da: L’ imitazione di Cristo, versione di Ugo Nicolini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.