Io sono la vite voi i tralci ..

Restare attaccati a te non è facile. Per cominciare ci chiedi di essere dei tralci: noi non siamo la vite, non siamo noi a portare la linfa, non siamo noi che salviamo. Accettare il nostro ruolo, adattarsi ad essere solo una parte del tutto ci obbliga a morire ai nostri progetti di grandezza, alle nostre manie e illusioni di onnipotenza.

E tuttavia c’è qualcosa di più duro e doloroso che ci attende: il momento della potatura… Sì, perché il Padre tuo non esita a potare questo tralcio perché porti più frutto, ad incidere questa esistenza per strappare via il male che si annida nel profondo, a tagliare via tutto ciò che ci impedisce di crescere: egoismo ed invidia, gelosia e pigrizia, e il nostro brutale attaccamento alle nostre cose, alle nostre sicurezze, alle nostre garanzie.

No, non è facile fare il tralcio. Ma solo restando attaccati a te sentiamo scorrere in noi la vita.

R. Laurita in Servizio della Parola

Risultati immagini per 5 Domenica di Pasqua B

Quando l’ uomo si scorda questa verità e pensa di essere lui la vite accade quello che è successo al piccolo Alfie. (dqy)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.