Comunione e liberazione cede alla pressione di Repubblica, sostenitrice della ideologia gender.

«Come ogni teoria che non ha alcuna aderenza alla realtà, anche le teorie del gender si stanno imponendo come ideologia e dittatura. Se non sei in linea con la prospettiva di genere e il pensiero gender, il minimo che tu possa ricevere è sentirti dire che sei un reazionario e arretrato fondamentalista, un troglodito rozzo e bigotto. In questo modo i dittatori del gender rendono impossibile qualsiasi possibilità di dialogo e confronto. Limitano la libertà di pensiero e di espressione, ad esempio introducendo nuovi reati di pensiero, come l’omofobia e la transfobia (…) e discriminano chi non si adegua a questa nuova visione dell’uomo». 

Padre Giorgio Maria Carbone, domenicano, costretto dalla direzione del Meeting di Rimini a sospendere i suoi  incontri sul gender. [ Riccardo Cascioli in: La nuova Bussola quotidiana]

 

Chissà cosa direbbe don Giussani? Che a dei ragazzi di una terza liceo,  prendendo uno dei libri di testo e leggendo  la vita di Leopardi nel: Disegno storico della letteratura italiana di Natalino Sapegno ebbe a dire: “Ma voi, con tutta la vostra presunzione, con tutta la vostra volontà di autonomia, leggete queste cose e le accettate senza colpo ferire, come bere un bicchier d’acqua?»  

Certamente i ciellini non hanno la tempra del “lottatore per la verità” del loro fondatore.
dqy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.