Una catechista mi scrive:

 

Ci siamo incontrati giovedì e per l’incontro di 4^ elementare avremmo pensato ad alcune ipotesi per i bambini:
– spiegazione del Credo
– approfondimento sull’Avvento.
Quale dei due è più fattibile? Puoi consigliarci?

Ciao, io praticherei la seconda ipotesi, quella sull’ Avvento, anche se magari lo avete già fatto l’ anno scorso per due motivi: si inserisce nel cammino liturgico e l’ altro è quello che, dal momento che i tuoi bimbi celebreranno la Prima Comunione, Gesù che viene nel Natale è lo stesso che viene in mezzo e rimane in mezzo a noi nel Sacramento dell’ Eucaristia e che riceveranno, ma che comunque è sempre presente nel Tabernacolo e accanto a noi giorno dopo giorno.
Un percorso organico si può impostare, ma quello che è importante, a mio avviso e che dobbiamo trasmettere ai bimbi è la presenza reale di Gesù nel pane eucaristico, che stiamo un po’ smarrendo, ma che è fondamentale.
Credere nella presenza vera autentica di Gesù è quello che fa la differenza, nell’accostarci alla S. Comunione, nello stare in Chiesa, e nel vivere nel mondo. Di qui si possono spiegar tante cose!: l’ inginocchiarsi, il fare silenzio, il rispondere, la visita in chiesa fuori della Messa, la preghiera, la presenza di Gesù in noi e accanto a noi.
Questo poi non esclude l’ altro discorso sul Credo, perché puoi sempre recuperarlo, ad esempio pensa alla parte del Credo che parla dell’ incarnazione: “ per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo e per opera dello Spirito santo si è fatto uomo.”

Quando parlerai dell’ istituzione dell’ Eucaristia e della Messa, magari in preparazione alla Pasqua, ancora quella parte della professione di fede: “ fu crocifisso sotto Ponzio Pilato. Morì e fu sepolto e il terzo giorno è risuscitato secondo le Scritture” .

Queste sono alcune di quelle idee che mi vengono in mente, ma mi raccomando trasmetti il fatto della presenza reale di Gesù, che mi sembra stiamo un po’ perdendo ( diventiamo un po’ protestanti? ), lasciando spazio anche al mistero perché tutto non si spiega in modo razionale, come avremmo magari la pretesa di fare, ma è qui che prevale la fede.
Spero di esserti stato utile dqy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.