Spunti di meditazione – 34 Domenica ciclo A: Gesù Cristo re dell’ universo… – rivestitevi della carità…

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria. Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, e porrà le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra.
Allora il re dirà a quelli che saranno alla sua destra: “Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi”.
Allora i giusti gli risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?”. E il re risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.
Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: “Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato”.
Anch’essi allora risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?”. Allora egli risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l’avete fatto a me”.
E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna».

 

Nel rito del Battesimo l’unzione con il sacro Crisma è accompagnata da queste parole: “Dio onnipotente, Padre del nostro Signore Gesù Cristo,
vi ha liberato dal peccato
e vi ha fatto rinascere dall’acqua e dallo Spirito Santo,
unendovi al suo popolo;
egli stesso vi consacra con il crisma di salvezza,
perché inseriti in Cristo,
sacerdote, re e profeta,
siate sempre membra del suo corpo
per la vita eterna.”

Cristo sacerdote, re e profeta … ma che tipo di re è questo Cristo al quale noi pure dobbiamo assomigliare? E ’un re che torna per condurre i suoi al regno nella sua pienezza. E’ un re pastore che si identifica con i più piccoli, i più deboli, i più poveri è un re che è amore e su come abbiamo amato ci chiederà conto.

Richiamiamo alla nostra mente la parabola dei talenti, (Mt 25,14-30), in cui vi è “questo uomo che partendo per un viaggio chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni. 15 A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, a ciascuno secondo la sua capacità, e partì.” Il Signore ci elargisce tanti doni, ma noi come li impieghiamo? Come ci viene chiesto nel testo del Vangelo oppure … si corre un grosso rischio, che è quello di essere messi alla sinistra del Signore. Io però vorrei ampliare e dilatare andando anche oltre quelli che sono i bisogni, materiali, concreti, urgenti e necessari che non possono essere disattesi e vanno soddisfatti. Ribadendo quell’ opzione preferenziale per i poveri che il Signore e la Chiesa ci hanno sempre indicato.

• Fame. Vi è anche una fame di senso e di risposte che la sola ragione non può dare: chi siamo, da dove veniamo, dove andremo, assieme a una fame di verità a cui oggi sempre più spesso non viene data risposta.
• Sete. Ciascuno di noi ha una sete inestinguibile di vita, di infinito, di eternità a cui la nostra finitudine non può rispondere.
• Accolto. Sono molti i non accolti al mondo, non solo stranieri. Quanti aborti, quanti anziani soli ed emarginati, quelli che chiamiamo oggi diversamente abili o hanno gravi disfunzionalità fisiche.
• Nudo. Nudi sono coloro che sono privati della loro dignità, che non hanno diritti riconosciuti e non contano, come quei bambini che in certi paesi non vengono registrati alla nascita (Brasile). Vivi, ma morti, spogliati di tutto, non esistono.
• In carcere. Oltre ai luoghi di detenzione sono molte le carceri in cui l’uomo è imprigionato. Egoismo, violenza, ingiustizia, incapacità di amare e di perdonare. Cosa facciamo per liberare l’uomo?… Lo visitiamo affinché liberato si lasci illuminare dalla luce di Gesù?

Senza trascurare i bisogni materiali, avendo davanti a noi l’icona di Gesù, buon samaritano e del maestro che lava i piedi ai discepoli non dimentichiamo né le necessità materiali né quelle spirituali per aiutare ed amare l’uomo completo, perché alla fine saremo giudicati su quanto avremo amato.

Deo Gratias, qydiacdon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.