Spagna: la Sinistra vuole eliminare la S. Messa in tv

In Spagna, oltre 300 mila persone seguono ogni domenica in tv la S. Messa, trasmessa dall’emittente pubblica La 2 (6,6% dello share, ben superiore allo share medio nella medesima fascia oraria, pari al 2,6%). Lo scorso 5 marzo l’audience raggiunse addirittura quota 327 mila. Non solo: da 50 a 60 mila persone seguono la S. Messa quotidiana su 13Tv.

Eppure la coalizione socialcomunista Unidos Podemos non ne vuol più sapere di questa programmazione così “confessionale”; per questo, ha presentato al Congresso dei Deputati un progetto di legge, con cui pretende che la Rte-Radio Televisión Española,– semplicemente – la abolisca: «Una tv pubblica non è il luogo più opportuno per i riti religiosi», si legge nel testo, che propone, riscaldato, il solito minestrone sociologico: «In Spagna – si legge – vivono persone di diverse ideologie e fedi religiose: cattolici, musulmani, evangelici, ortodossi, atei, agnostici e giudei».   

In realtà, la fede non è un fenomeno “di nicchia”: il Centro de Investigaciones Sociológicas ha valutato, lo scorso febbraio, come il 70,2% della popolazione iberica si dichiari Cattolico, mentre il 15% non professi alcuna religione. Seguendo il provocatorio criterio della Sinistra, son molti di meno gli appassionati di sport (solo il 22% lo ritiene un passatempo abituale, il 46% ha dichiarato di accontentarsi di risultati e cronache). Allora perché non chiedere anche l’abolizione dello sport dai palinsesti televisivi?

L’organizzazione Religión en Libertad ha denunciato questo nuovo, feroce attentato cristianofobico. Anche la Conferenza episcopale spagnola si è espressa: per bocca del Vicesegretario per gli Affari Economici, dott. Fernando Giménez Barriocanal, ha dichiarato lo scorso 8 marzo alla trasmissione Herrera en Cope, che eliminare la S. Messa dal palinsesto televisivo corrisponderebbe a «proibire il diritto alla libertà religiosa, riconosciuto dalla Costituzione. Per quale motivo impedire a migliaia di persone, impossibilitate a recarsi in chiesa di persona, di poter seguire la celebrazione eucaristica almeno in televisione?». Già, per quale motivo?

M. F. in Corrispondenza Romana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.