Silvana De Mari nell’articolo seguente dal titolo “Covid 19, come non ammalarsi e come guarire, perché sia Covid 19, non Covid 1984” impartisce buoni consigli per evitare e curare le epidemie in generale. Ecco l’articolo completo pubblicato sul blog di Silvana De Mari l’11 ottobre 2020:

Buoni consigli per evitare epidemie: arriva l’autunno e con l’approssimarsi dell’inverno, come tutti gli anni, arriveranno i virus parainfluenzali (come i Coronavirus 19-20-21…) ed influenzali.
Con essi arriveranno raffreddori, tracheiti, tracheobronchiiti, broncopolmoniti e purtroppo anche polmoniti interstiziali, tipiche dei virus da sempre, e spesso misconosciute.
Le seguenti raccomandazioni per evitare aggravamenti inutili ed errori come lo scorso inverno:
1) se febbre, mantenere inferiore ai 38,5 gradi C, con FANS che vuol dire antinfiammatori (e non con tachipirina che non ha azione antinfiammatoria, perché il covid uccide con l’infiammazione!) per 3 giorni consecutivi in modo da bloccare l’infiammazione (opzioni alternative: cebion, okitask 40 mg 2/3 volte al giorno; Brufen 600 mg/die, Dicloreum 150 mg/die, Moment 100 mg 2 volte/die, Momendol 220 Mg 3 volte al giorno, Aulin 100 mg 1/2 volte die…) NECESSARIO UN GASTROPROTETTORE 2) se tosse secca, Fluifort sciroppo 2 cucchiai al giorno e finire il flacone
3) se febbre persistente, aggiungere antibiotico per ridurre sovrainfezioni batteriche, soprattutto in soggetti a maggior rischio, l’azitromicina ha specifica azione anti covid (Zitromax 500 mg 1 cp/die per tre gg)
4) associare aerosol 2 volte/die con: clenilA 1 cc + Atem 10 gtt + Bronchovaleas 5 gtt per 5 gg. vitamina C 2 grammi al giorno o anche 3, una bustina di lattoferrina da 200 mg.
5) valutare con il medico di base: Plaquenil 1 cp/die per 5 gg: c’è una particolare anomalia dell’elettrocardiogramma che deve essere esclusa prima di dare questo farmaco.
6) “tre L” della nonna: Letto, Lana, Latte (con un cucchiaio di miele)
P.S. Se l’infiammazione viene correttamente controllata da subito non ci sarà alcun bisogno di Eparina, perché sarà controllata la cascata citochinica legata alla flogosi stessa.
Quindi evitiamo di andare ad intasare gli ospedali e curiamoci correttamente a casa senza prendere freddo fuori.
Con tanto riposo.
Niente mascherine, in modo da eliminare i germi che il riflesso fisiologico della tosse vorrebbe eliminare.
L’opzione migliore resta non ammalarsi.
PREVENZIONE:
– Vit A vit D Omega 3,( un cucchiaino al giorno di olio di fegato di merluzzo)
– Vit C 2 grammi al giorno (cebion 1 gr x 2)
– Multicentrum 1 cp Due volte la settimana
– Almeno un’ora al giorno di movimento all’aria aperta
– Lattoferrina una bustina al giorno
NON VI AMMALERETE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.