SALVAGUARDARE I BAMBINI DALL’INDOTTRINAMENTO DELLA TEORIA GENDER

Nelle Scuole Italiane, come nei maggiori Paesi d’Europa, stiamo assistendo alla progressiva approvazione di progetti che ricalcano un vero e proprio indottrinamento alla gender-theory, un costrutto ideologico orientato a promuovere l’indifferentismo sessuale (decostruzione del genere maschile e di quello femminile) e incentivare l’affettività e la sessualità, sin dall’infanzia, in ogni fase dello sviluppo del fanciullo con tecniche inappropriate e false rispetto alla

realtà delle tappe di maturazione psico-affettiva del fanciullo (L’ideologia di genere ed. LMPT Italia 2013).  Questi progetti, spesso mascherati dietro titoli quali “educazione alle differenze e al genere” o alla prevenzione e il contrasto del “bullismo o violenza di genere”, o alla “formazione dell’identità di genere”, “educazione affettiva” spesso sono inseriti nei POF, o nelle attività extra curriculari,  senza che i genitori vengano avvisati, nonostante il tema sia tanto delicato. Si potrebbe invocare il tentativo di reato di plagio, se non fosse che è in atto una vera e propria ‘normalizzazione’ per istituzionalizzare questo ‘indottrinamento’, quasi come una materia scolastica.

Prescisso ciò ci risulta evidente l’intento, formale o meno, di educare i nostri bambini e ragazzi  a questa ideologia, che nega la realtà biologica e antropologica dell’essere umano, irrispettosa del diritto dei discenti di essere istruiti alle categorie del reale. Per ultimo ma non per importanza,la strategia attuata per far ciò, lede chiaramente il diritto di libertà educativa dei genitori, sancita dalla nostra costituzione e dalla carta dei diritti.

la Manif Pour Tous Italia

_____________________________________

Dialogare con l’ autorità scolastica è uno dei primi diritti e doveri dei genitori, che nell’ ambito di progetti inerenti l’ Educazione alla sessualità, alle emozioni , ai sentimenti, e al rispetto della diversità di genere, devono essere preventivamente informati per poter aderire o meno. La non esclusione non deve mai , comunque, portare ad una discriminante in ordine alla valutazione del percorso scolastico. È opportuno leggere bene i vari POF, perché  è in quell’ ambito che vengono inseriti questi progetti!

Vigilate genitori, ed intervenite per avere tutti i dettagli e i chiarimenti in merito all’impostazione dei progetti, la conduzione e gli interventi degli eventuali esperti e delle associazioni che le sponsorizzano, nell’ interesse e nel bene dei vostri figli!

dqy. 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.