Preghiera per la settimana Santa

Porto anch’io in mano il mio
ramoscello di ulivo
e mi pare appartenere
a quella piccola Folla
che ti fece festa quel giorno,
mentre entravi in Gerusalemme.

Porto anch’io nel cuore
entusiasmo e gioia
nessuno ha mai parlato come te,
Gesù di Nazareth,
nessuno ha mai donato guarigione e perdono
come hai fatto tu.

Ma nel mio cuore, lo devo riconoscere,
non c’è solo questo:
c’è paura della sofferenza,
c’è timore di restare solo,
c’è allergia al sacrificio.
Oggi sono qui a farti festa,
ma domani non avrò il coraggio
di difenderti dalle accuse ingiuste,
di dichiararmi come tuo discepolo,
di seguirti sulla collina del Calvario.

Questo ramoscello che porto in mano,
questo ulivo benedetto, che mi è stato dato,
troverà un posto degno nella mia casa.
Ma io saprò diventare, costi quel che costi
un segno vivo della tua pace?
Sarò disposto a pagare il prezzo
di una fraternità più autentica,
di una riconciliazione difficile,
di una giustizia esigente?

(Roberto Laurita)

 

CELEBRAZIONI SETTIMANA SANTA E S. PASQUA - Parrocchia Ss. Nazaro e Celso | Parrocchia Ss. Nazaro e Celso

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.