Preghiera nell’ amarezza

Vivo giorni di sconforto e di amarezza,
o Signore,
e tutto sembra andare contro me.

Aspetto comprensione da chi mi è vicino
E non sono capito;
credo di parlare a degli amici
ed invece ho davanti un sinedrio;
agisco con estrema onestà
e ci rimetto sempre;
faccio del bene agli altri
e non viene riconosciuto.

Mi rivolgo allora
contro tutto, contro tutti
ed anche contro me stesso
e faccio come tutti.

Ma tu, Signore, cacciato dalla porta
Poco dopo rientri in casa mia
Passando dalla finestra
E ti metti a sedere vicino a me
Per guardarmi ed essere guardato.

Tutte le mie stizza si placano,
una grande pace torna a possedermi
e il cuore torna a battermi come prima.

Perdona, Signore, questi miei momenti
di stanchezza morale e di sconforto.

Dopo tutto riconosco che,
come tu non puoi stare senza di me,
nemmeno io saprei vivere senza di te.
AMEN.

A. Dini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.