Portare la croce…

 

 

Signore Gesù, come capisco i tuoi apostoli che non capiscono. Mi sento molto uno di loro in fatto di lontananza dalla Croce, di istintivo rifiuto a tutto ciò che porta l’ amaro sapore della sofferenza. Trovo più facile sentire parlare della Croce, meglio se un discorso elegante, o parlarne io stesso. Però il discorso rimane alla periferia della mia vita, ne parlo come un oggetto da trattare. Oppure mi piace vedere la Croce, tanto meglio se artistica o comunque di pregevole fattura. Ce ne sono tante, di tutte le dimensioni, di tutti i colori, di tutti i materiali di tutti i prezzi. Sì, perché le croci si possono anche comprare.
Al massimo riesco a portare la croce attaccata alla giacca o al collo … Ma la Croce non è fatta per il bavero di una giacca, ma per il cuore; deve stare dentro, conficcata nel profondo. Questo mi riesce difficile da fare, anche solo da capire; usando solo la ragione, mi sembra un controsenso.
Figuratevi poi portare la Croce degli altri! Tante volte nemmeno la vedo, e quando la scorgo o intravedo, trovo più scomodo scantonare, fingendo di non averla vista.
Signore perdona la mia fuga dalla Croce!

Mauro Orsatti in Servizio della Parola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.