Perché sono contrario alla concessione dello Ius Soli agli immigrati, specialmente quelli di religione islamica.

1.Perché esiste già una legge sulla concessione della cittadinanza agli immigrati che funziona  e concedendo la cittadinanza ad un numero maggiore di stranieri rispetto ad altri paesi europei e ai loro figli: è assolutamente inutile varane un’ altra.

2.Perché non è vero che i figli degli immigrati che non hanno il riconoscimento della cittadinanza non siano ammessi a quei servizi come l’istruzione, l’assistenza sanitaria, sociale e altro di cui godono i loro stessi coetanei italiani.

  1. Perché anche gli episodi di terrorismo attestano che non è assolutamente scontato che questo riconoscimento favorisca una maggiore integrazione.
  2.  Per quanto riguarda gli immigrati di cultura e religione islamica a maggior ragione perché non vi è nell’ ISLAM la concezione della laicità dello stato e le leggi che devono governare lo stato devono essere ispirate alla Sharia e ai precetti del Corano! Molti di loro dichiarano esplicitamente di non volersi integrare.
    ( Ricerca Ipr Marketing- Quotidiano Nazionale 19 settembre 2017).

_______________________________

Accogliere milioni di musulmani che non vogliono integrarsi potrebbe nuocere alla Nazione. Il cardinal Biffi nel 1999 disse che “se l’Europa non fosse ridiventata cristiana sarebbe stata islamizzata“. In questo caso gli insegnamenti dell’Angelico ( S. Tommaso d’Aquino) ci consiglierebbero di non accogliere gli immigrati subito come compatrioti e specialmente correligionari, anche perché oggi essi sono molto fermi nell’osservanza della religione islamica e non hanno nessuna voglia di integrarsi (con delle eccezioni che confermano la regola) nella cultura e religione nostra, ma anzi (in gran parte – Ndr) le detestano e vorrebbero distruggerle. Purtroppo gli uomini di Chiesa (gran parte di essi – Ndr) pensano e agiscono in maniera diametralmente opposta ai consigli dati da S. Tommaso. È chiaro che per l’Angelico si può permettere agli stranieri, che sono di passaggio nella Nazione (se sono pacifici e se si integrano nella cultura e nella religione del Paese che li accoglie), di restarvi.

Ma se sono ostili, come la stragrande maggioranza di musulmani che invadono l’Italia in primis e l’Europa intera in secundis per conquistarle all’islam, allora vale il principio della difesa, che porta la Nazione invasa a respingere lo straniero.

______________________________________

Attenzione finiremo sottomessi in base alle nostre stesse leggi!

Jaques de Molay

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.