Meditazione: “Vi fu uno sposalizio a Cana di Galilea”- (Gv 2,1-12)

Tu il Messia vai a una festa di nozze. Tu ti fermi e condividere la gioia di due sposi. Tu perdi tempo, seduto a mensa, con la gente del posto e dei tuoi discepoli. Tu esprimi l’ allegria di quel  giorno, danzando forse assieme agli altri per celebrare Dio e la forza dell’amore che sfida il tempo. E’ bello vederti così, Gesù di Nazareth. E’ bello scorgere sul tuo volto e nei tuoi gesti la gioia che abita uomini e donne, riuniti assieme, per un rito di matrimonio. Perché tu non sei un profeta arcigno, che legge con severità ogni evento della storia e richiama continuamente all’impegno.

E non sei neppure il capo ossessionato dal suo progetto, preoccupato di spendere le sue energie per dare vita a un movimento, per incitare i suoi seguaci. Non sei l’ uomo Dio che segna la sua presenza con gesti ieratici di chi è staccato dal mondo.

Tu sei a tuo agio a questa festa di nozze. Semplice! Perché sei tu lo Sposo! Tu sei venuto a far sì che la gioia di questo giorno non sia interrotta dalla mancanza di vino. Tu sei venuto a cambiare ogni volta la nostra acqua scipita, la nostra acqua amara di dolore e di pena, la nostra acqua salata di dolore e di lacrime, nel vino della gioia, nel sangue dell’ alleanza, nell’ allegria di una comunione nuova.

R. Laurita

Risultati immagini per nozze di Cana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.