Meditazione 5 Domenica di Pasqua: Gesù via, verità e vita.

 

 

Missione Evangelo - Home Page - Missione Evangelo

Nel contesto attuale in cui viviamo questa Pandemia, che è un dramma a livello mondiale di fronte al quale ci sentiamo impotenti, ora, e non abbiamo punti di riferimento forti proviamo turbamento e drammaticamente siamo richiamati a prendere coscienza della provvisorietà della nostra vita. Così tutto sembra crollare come un castello di carte. È quel turbamento di cui Gesù parla nel Vangelo.

“Non sia turbato il vostro cuore”, ed esorta ad avere fede in lui. Se volessimo riprendere l’episodio dei discepoli di Emmaus è come se il Signore ci dicesse rimani a Gerusalemme nonostante il dramma della crocifissione, nonostante la testimonianza delle donne, alla quale non si dà molta importanza, nonostante non vi sia più il corpo del crocifisso … rimani a Gerusalemme e continua a credere.

Così anche per noi. Malgrado stiamo vivendo questo momento, drammatico della Pandemia, senza sapere come cambierà la nostra vita in un futuro prossimo continuiamo a credere, a fondare la nostra vita su Gesù e sul Vangelo.

La fede che viene richiesta non è una vaga fede in Dio, come spesso viene affermata da tanti, ma è la fede specifica in Gesù.

Nei momenti difficili, disperati della nostra vita, quando il timore e la paura si insinuano nel nostro cuore vorremmo ardentemente vedere Dio, interloquire con Lui faccia a faccia per avere quelle risposte che non riusciamo ad avere, Gesù dicendoci di avere fede in lui ci dice anche la motivazione: “Io sono la via, la verità e la vita”.

Gesù è quella via che Tommaso dice di non conoscere.  Tommaso il nostro caro Tommaso il discepolo che per credere vuole vedere, vuole toccare, ma che poi fa la sua professione di fede: “Mio Signore e mio Dio” (Gv 20,28).

Eppure Gesù è l’unica via che può dire la verità sull’ uomo, che può condurre a Dio ed essere vita per l’uomo: vita eterna attraverso la sua risurrezione. Nel dire Io sono la via verità e la vita Gesù ci fa conoscere il mistero della sua identità. Senza di Lui la vita diventa camminare nel buio, vagare nell’incertezza, fondare la nostra vita sulla vacuità. Solo Gesù ci svela la verità, quella verità con la V maiuscola che supera ogni parziale verità dell’ uomo, quella sulla giustizia, sulla fraternità, sull’ uso dei beni, dono della Provvidenza di Dio, quelle sull’ amore, quelle sul mistero del dolore, della sofferenza, della vita e della morte.

Nella ricerca della verità tanto spesso noi ci troviamo di fronte a tante falsità, come quelle che ci vengono dette in ogni tempo, anche oggi, su quello che accade nella storia dell’uomo e non prendiamo in seria considerazione Gesù come verità e via all’ uomo.

La meta, per chi segue la via che è Gesù, è trovare le risposte a quelle domande che possono assillare, da chi si lascia interpellare, la vita dell’uomo: conoscere Dio, essere per sempre con Lui in quella pienezza di vita che è la vita eterna: “E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e non ci sarà più la morte, né cordoglio né grido né fatica, perché le cose di prima son passate». 5 Allora colui che sedeva sul trono disse: «Ecco, io faccio tutte le cose nuove”. (Apocalisse 21,4
“Segui Cristo. Solo seguendolo si può sperimentare la strada che propone, la verità che insegna, la vita piena che offre. Non aver paura di giocare l’esistenza: chi perderà la propria vita la troverà. Come Lui, anzi chi crede in Lui compirà le opere che Lui compie e ne farà di più grandi” (Servizio della Parola 2011)

Deo gratias,qydiacdon

 

Quadretto in legno lavorato a mano - Viandante: Gesù è la via, la ...

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.