In preparazione alla festa dl Corpus Domini

O signore, confidando nella tua bontà e nella tua infinita misericordia, mi appresso infermo al Salvatore, affamato e assetato alla fonte della vita, povero al re del cielo, servo al Signore, creatura al Creatore, desolato al pietoso mio consolatore.
Ma “Per qual ragione mi è dato che tu venga a me?” (Lc1,43). Chi sono io, perché tu ti doni a me; come potrà osare un peccatore di apparirti dinanzi; come ti degnerai di venire ad un peccatore? Ché tu lo conosci il tuo servo; e sai bene che in lui non c’è alcunché di buono, per cui tu gli dai tutto ciò.
Confesso, dunque, la mia pochezza, riconosco la tua bontà, glorifico la tua misericordia e ti ringrazio per il tuo immenso amore. Infatti non è per i miei meriti che fai questo, ma per il tuo amore: perché mi si riveli maggiormente la tua bontà, più grande mi si offra il tuo amore e l’umiltà ne risulti più perfettamente esaltata. Poiché, dunque, questo ti è caro, e così tu comandasti che si facesse, anche a me è cara questa tua degnazione. E voglia il Cielo che a questo non sia di ostacolo la mia iniquità.

Dall’ Imitazione di Cristo Capitolo 2

 

Risultati immagini per Corpus Domini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.