IL TEOLOGO TARCISIO STRAMARE: «AMORIS LAETITIA, IL PROBLEMA ESISTE. INUTILE FAR FINTA DI NO»

«Amoris Laetitia? Testo confuso, necessari chiarimenti. Legittimi i Dubia». Lo sostiene in questa intervista a La Fede Quotidiana Tarcisio Stramare, teologo, oblato Giuseppino.

Padre Stramare, Amoris Laetitia suscita pareri contrastanti sul capitolo 8. Qual è la sua idea?
«Effettivamente si presta ad interpretazioni divergenti e diverse, lontane da qual sano criterio della Chiesa secondo il quale i documenti devono essere ispirati alla logica del sì-sì o no-no».

Quale la causa?
«Penso che sia un documento certamente ispirato a buone intenzioni, ma frutto di sintesi e di compromesso e come tale ha una certa ambiguità di fondo che si presta ad interpretazioni e prassi diverse. Penso che i reali problemi siano sia per i confessori che per gli stessi penitenti».

Perché?
«Detto che Amoris Laetitia è frutto di un compromesso dovuto adun Sinodo non unanime, sostengo che i confessori non sempre sanno come regolarsi. In quanto ai penitenti possiamo trovare, anzi è successo, che casi uguali siano trattati in modo differente da luogo a luogo, a seconda della rigidità o meno del confessore. La confusione derivante da Amoris Laetitia è forse figlia di un modo di fare che predilige la pastorale alla dottrina e alle norme del diritto canonico».

Ben 4 cardinali hanno avanzato Dubia…
«Non vedo alcun motivo di scandalo o di indignazione ed è lecito chiedere chiarimenti su aspetti dottrinali e penso che sia bene rispondere. Ritengo che il Papa lo farà. È necessario un chiarimento interpretativo. Il problema esiste, inutile far finta di no».

Esiste confusione nella Chiesa oggi?
«Questo Papa, che io apprezzo, guarda alla persone più che al diritto o alla dottrina. Io ritengo che esista una certa confusione dottrinale in questo momento storico e possiamo parlare di una situazione insidiosa».

Papa Francesco ha voluto un Sinodo sulla misericordia, categoria che da sempre è al centro del suo Magistero…
«Fa sicuramente bene a rimarcare il valore della misericordia, ma trovo che al momento vi sia in tanti esponenti un eccesso di misericordismo. La Chiesa è madre, ma non dimentichiamo che assieme alla madre è bene far capire il ruolo del padre. Accanto al perdono materno bisogna associare la giustizia paterna, far comprendere la gravità del peccato e la necessità di ripararvi. A volte del peccato si parla poco e bisognerebbe richiamarlo maggiormente. Con questo sistema rischiamo di rovinare tutto facendo intendere che alla fine si aggiusta tutto. Manca quel tradizionale et-et cattolico».

Un telegramma su Amoris Letitia?
«La reputo figlia un lodevole afflato pastorale, ma pericolosa ed insidiosa nella prassi. È opportuno dare dei chiarimenti».

di Bruno Volpe da «La Fede Quotidiana»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.