Grande Fuga dalla realtà della Chiesa …

É uscito un interessante libro di Enrico Maria Radaelli, Street Theology. Teologia di strada. La scristianizzazione o Grande Fuga dalla realtà della Chiesa post moderna dal Concilio Vaticano II a Papa Francesco (Fede & Cultura). Si tratta di un utile sussidio per comprendere, passo dopo passo, che cosa è accaduto in questi ultimi 50 anni nella Chiesa, succube di un Occidente che si è orgogliosamente emancipato da Dio. Ve ne proponiamo alcuni stralci tratti da un articolo di Cristina Siccardi, apparso in Corrispondenza Romana.
__________________________
«Qual è l’oggetto dello scontro tra Liberalismo e Veritarismo? Qual è il problema della civiltà occidentale d’oggi? Il problema della civiltà occidentale d’oggi è Dio. Cioè se esiste o non esiste Dio. Sì, perché da questo esserci o non esserci di Dio dipende l’esistenza o la non esistenza delle sue leggi, del suo culto, della sua più o meno forte presenza nella società civile, e dipende la necessità, in essa società, di adeguarsi o non adeguarsi alle sue leggi e al suo culto» (pp. 14-15).     

Con un felice interscambio fra le questioni relative all’ordine-disordine mondiale, alla cultura-discultura dell’Occidente postmoderno e le devianze acattoliche della Chiesa, protesa ad un sovversivo ecumenismo sincretistico, Radaelli non si esime dal denunciare, a fronte di un successo mediatico (dei poteri forti), il crescente e spietato insuccesso, nei numeri, della Chiesa. E la sua disamina è tanto realistica quanto amara: «Torno poi a leggere la sua Esortazione apostolica, pubblicata il 2-4-16, l’ Amoris laetitia, che tanto clamore, e poi divisione, e poi sgomento, confusione e grandi perplessità ha portato nella Chiesa più di recente […] Poi leggo le ultime statistiche che ho sottomano sulla Chiesa in Francia, in Italia, in Germania, in Austria, in Belgio…» (p. 15) e il panorama è desolante. Una bomba atomica è caduta sulla Chiesa, ma pochissimi se ne sono accorti dello scandalo, perché dalla Santa Sede non vi è denuncia. Bastano i dati per confermare il massacro: in Austria le chiese vengono svendute dal Cardinale Schönborn alle confessioni religiose che raccolgono i molti ex cattolici. In Francia ogni anno muoiono 800 sacerdoti anziani e la nazione non ne produce neppure 100 di nuovi, mentre coloro che vanno regolarmente a Messa sono soltanto il 4%. La chiesa di Saint-Eloi, nel Vierzon, è diventata moschea, come pure l’antica chiesa di San Cristoforo a Nantes. «Su tutta l’Europa si è abbattuta come tempesta la desertificazione ateistica, a cominciare dall’Irlanda, dove sette anni fa si diceva religioso ancora il 69% degli Irlandesi, oggi è il 47%» (p. 17). A Bruxelles, capitale della dittatoriale Unione Europea, 35 chiese su 100 saranno chiuse, poiché i fedeli sono appena l’1,5%. La chiesa di Saint-Jacques, nel centro di Namur, è diventata un negozio di abbigliamento, mentre quella di Notre Dame, edificata nel 1749, è oggi «spazio culturale», e Santa Margherita, a Tournai, è stata trasformata in appartamenti di lusso. A Bruxelles quasi la metà dei bambini delle scuole statali sono islamici.

In crollo costante è poi il numero delle congregazioni e degli ordini religiosi, costretti a chiudere per mancanza di nuove leve, compresi i Gesuiti: dall’ultimo Concilio al 2005 sono diminuiti del 45%; i Frati Minori del 41%; i Domenicani del 39%; i Benedettini del 35%; i Cappuccini del 29%; i Salesiani del 24%. La bomba atomica è stata sganciata nel 1962 fra le effervescenze entusiastiche di alcuni padri conciliari progressisti che auspicavano un mutamento di rotta del Magistero della Chiesa secondo i parametri della nouvelle théologie. «Hanno annientato un popolo, a milioni vengono sterminati, e intanto parlano di problemi ecologici e di misericordia mettendo sotto il tappeto, come polvere, la dottrina. Lo fanno in silenzio, perché nessuno si accorga che l’arma della carneficina è in mano loro: l’hanno fabbricata loro» (p. 18).

Lo studio di Radaelli, dove profondi ragionamenti filosofico-teologici vengono intercalati da sdegnati commenti di fedele ferito e tradito, è un’accesa notifica al percorso svolto dai Papi conciliari, dimostrando così che Francesco non è un caso isolato, ma il naturale frutto di una Chiesa che ha volontariamente deciso di intraprendere la strada dell’autodemolizione. «Sicché, mentre i Papi pensano ad altro seminari e chiese “si svuotano”, l’Europa “si scristianizza”, la civiltà “si sreligiona”, le nazioni “si ateizzano”, le vocazioni “crollano”, la Chiesa “muore”» (p. 28).

Cristina Siccardi in Corrispondenza Romana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.