Festa della Santa Famiglia 2019 – omelia

In un contesto dove non si capisce più bene cosa sia la famiglia perché si tende a definire con questo termine unioni senza alcun vincolo, unioni fra persone dello stesso sesso, famiglie allargate; ma anche famiglie frantumate, dove quello che era un progetto iniziato con tanto entusiasmo purtroppo è naufragato. Una definizione che ho trovato su un dizionario recitava: “Nucleo sociale rappresentato da due o più individui che vivono nella stessa abitazione e, di norma, sono legati tra loro col vincolo del matrimonio o da rapporti di parentela o di affinità.”

Di fronte a questa “babele” che tenta di definire la famiglia nei modi più disparati, mentre ancora stiamo vivendo la gioia e il mistero del Natale, noi contempliamo la famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe che diventa punto di riferimento e che Papa Paolo VI descriveva così. “Nazareth è la scuola dove si è iniziati a comprendere la vita di Gesù, cioè la scuola del Vangelo … Essa ci insegna il modo di vivere in famiglia. Nazareth ci ricorda cos’è la famiglia, cos’è la comunione d’amore, la sua bellezza austera e semplice, il suo carattere sacro e inviolabile … Infine impariamo la lezione del lavoro. Qui soprattutto desideriamo comprendere e celebrare la legge, severa certo, ma redentrice della fatica umana …”

La famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe sta davanti a noi come un’icona di riferimento, ma vediamo alcune caratteristiche di questa icona a cui ogni famiglia si può ispirare e sviluppare per essere famiglia secondo il cuore e il progetto di Dio. Una delle due preghiere di colletta di questa festa recita: O dio nostro Padre, che nella Santa Famiglia ci hai dato un vero modello di vita, fa’ che nelle nostre famiglie fiorisca le stesse virtù e lo stesso amore…”

 

  • È una famiglia in cui tutti accolgono la volontà di Dio. Gesù che viene per compiere quanto il Padre gli affidato, Maria e Giuseppe che si rendono disponibili nella fede anche se questo significa rinunce e sacrifici, situazioni di difficoltà e di persecuzione. Il Vangelo che abbiamo letto ci presenta la partenza per l’Egitto, la condizione di esuli che sono chiamati a vivere e il ritorno alla morte del loro persecutore. Non è una famiglia fuori dal tempo, ma dentro le vicende favorevoli e sfavorevoli trova nell’adempiere quanto il Signore gli chiede nell’ obbedienza e nella fede, anche in situazioni difficili trova la pace
  • Questa famiglia è inserita nella grande famiglia umana di cui Gesù diventa membro. Questo dovrebbe farci riflettere sul grande mistero della vita come dono. L’ uomo non è né il proprietario, non può manipolarla a suo piacimento come accade nelle varie pratiche di fecondazione, nell’ utero in affitto, né delle madri surrogate: non sono secondo quello che è la natura e non sono secondo il disegno di Dio. Così riguardo i figli, che come altre volte ho detto non sono né proprietà né il prolungamento dei genitori, ma ci sono affidati perché li facciamo crescere educandoli!
  • Compito difficile educare! Ma educare a cosa? Sempre una delle preghiere di colletta, la seconda, dice: “crescano in sapienza, pietà e grazia rendendo lode al tuo santo nome”. La sapienza non nel senso che possiamo intendere noi, certo la sapienza umana è buona ed è anche questa dono quando usata per l’uomo e non contro l’uomo, ma quella sapienza che è dono dello Spirito e che ci fa fare esperienza di Dio, ci fa vedere gli altri e le situazioni della vita leggendole alla luce del Vangelo e di tutta la Parola di Dio. La pietà che non è la mera compassione, ma quel sentimento che ci rende consapevoli di essere Figli di Dio amati. Rendere lode a Dio riconoscendo che tutto viene da Lui e tutto a Lui deve essere ricondotto. Tutti aspetti che nell’ educazione cristiana e umana dei figli vanno curati, ma sono davvero presenti? Li proponiamo ai nostri figli? Come li proponiamo?
  • Ultima parola, facendo riferimento alla prima lettura, il rispetto che i figli devono avere anche quando i genitori, e non solo per il padre: “Sii indulgente, anche se perde il senno,
    e non disprezzarlo, mentre tu sei nel pieno vigore.” Un rispetto e un amore che non sempre è dato, perché non di rado i figli si dimenticano di essere stati figli e disconoscono i loro genitori, anche se non tutti.

 

Il Concilio ha parlato della famiglia come “chiesa domestica”, (Lg 11) non fuori dalla Chiesa ma ben inserita e per farla crescere, anche a questo senso di appartenenza noi dobbiamo auto educarci ed educare.

Concludo con quanto dice S. Giovanni Paolo II: “La famiglia fondata e vivificata dall’ amore, è una comunità di persone: dell’ uomo e della donna sposi, dei genitori e dei figli, dei parenti. Suo primo compito e di vivere fedelmente la realtà della comunione nell’ impegno costante di  sviluppare un’autentica comunità di persone” (Familiaris consortio, 18)

 Deo gratias, qydiacdon

 

Risultati immagini per Santa famiglia annao a, cantalavita.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.