XXII Domenica ordinario B – Sono le cose che escono dal cuore dell’ uomo a renderlo impuro …

Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, si riunirono attorno a Gesù i farisei e alcuni degli scribi, venuti da Gerusalemme.
Avendo visto che alcuni dei suoi discepoli prendevano cibo con mani impure, cioè non lavate – i farisei infatti e tutti i Giudei non mangiano se non si sono lavati accuratamente le mani, attenendosi alla tradizione degli antichi e, tornando dal mercato, non mangiano senza aver fatto le abluzioni, e osservano molte altre cose per tradizione, come lavature di bicchieri, di stoviglie, di oggetti di rame e di letti –, quei farisei e scribi lo interrogarono: «Perché i tuoi discepoli non si comportano secondo la tradizione degli antichi, ma prendono cibo con mani impure?».
Ed egli rispose loro: «Bene ha profetato Isaìa di voi, ipocriti, come sta scritto:
“Questo popolo mi onora con le labbra,
ma il suo cuore è lontano da me.
Invano mi rendono culto,
insegnando dottrine che sono precetti di uomini”.
Trascurando il comandamento di Dio, voi osservate la tradizione degli uomini».
Chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro». E diceva [ai suoi discepoli]: «Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo».

____________________________________________________
Se dovessi mettere un titolo a questo brano del Vangelo che vede, ancora una volta, Gesù che si scontra con i farisei e i dottori della legge metterei queste parole, interiorità, esteriorità, cuore.
In questo scontro Gesù , condannando l’esperienza religiosa del popolo d’ Israele formula alcuni principi che hanno un valore inestimabile per la vita dell’ uomo religioso o laico che sia.

Se è vero che noi oggi viviamo in un contesto in cui è più importante
l’immagine, che sta al di fuori dell’ uomo e che l’ uomo trasmette di sé è altrettanto vero che la persona non si esaurisce lì.

Ecco allora quello che qualche commentatore ha chiamato “il principio del primato del mondo interiore”. Questo primato afferma che il valore, il pregio dell’uomo non risiede in ciò che è al di fuori di lui, ma in quello che è dentro di lui. Questo è molto consolante perché al di là di ogni disagio, di ogni prepotenza, di ogni avversità rimaniamo liberi e padroni della nostra vita e del suo destino., in qualsiasi condizione ci troviamo: economica, sociale, politica, culturale perché non determinata il nostro fine. Continue reading

IL CASO NOVELL GOMA’ Via il vescovo anti gay: delitto perfetto Media-Vaticano

Le dimissioni del vescovo spagnolo Xavier Novell Gomà hanno tutta l’aria di essere un delitto perfetto Media-Vaticano: nessuno, se non la Santa sede, conosce i motivi della rinuncia, c’è chi parla di uno scontro di potere nella Chiesa spagnola, ma tutti i media ricordano le sue posizioni sui gay, lasciando intendere che sia normale dover togliere il disturbo per aver toccato certi temi. Il modo migliore per estromettere un testimone scomodo senza sparare un colpo e contemporaneamente avvertire tutti gli altri vescovi che chi tocca la dittatura Lgbt, muore.

Com’è facile cacciare un vescovo sgradito e contemporaneamente lanciare il messaggio a tutti gli altri di non intromettersi nelle questioni Lgbt. Xavier Novell Gomà è il vescovo più giovane di Spagna e l’ottavo più giovane della Chiesa e da ieri non è più alla guida dell’episcopato di Solsona, in Catalogna.

Lo scarno comunicato vaticano che ne annuncia l’accoglimento della rinuncia da parte di Papa Francesco non fornisce nessuna pista per cercare le motivazioni, eppure in pochi minuti a tutti i media è stato automatico associare la figura di Novell al tema della propaganda Lgbt. Quasi come un riflesso pavloviano: il Vaticano ne annuncia la rinuncia e zac: tutti pronti a ricondurla alle sue posizioni sulla causa omo.

Sarà vero? Non lo sappiamo, anche perché il Vaticano parla di una rinuncia per “motivi strettamente personali”, che però è una scusa così vaga e infantile che ricorda le assenze strategiche del liceo quando c’era aria di interrogazione di matematica. Il punto, però, è il fatto che a fronte di una unica versione mediatica autoimposta, nessuno dal Vaticano si è affrettato a smentire o puntualizzare che le motivazioni non andassero ricercate nelle sue posizioni contro la montante marea Lgbt. Così, certe notizie è facile che si impongano: come una freccia dall’arco scoccano e volano veloce di bocca in bocca.

Anche Vaticaninsider, giornale vicino all’entourage della comunicazione vaticana ha messo in relazione Novell con le sue parole chiare, pronunciate però negli anni scorsi. Quasi a voler lasciare che nell’ambiguità, si facesse strada questa lettura: chi tocca i gay, muore. Continue reading

XXI Domenica del tempo ordinario B- Volete andarvene anche voi?

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, molti dei discepoli di Gesù, dopo aver ascoltato, dissero: «Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?».
Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: «Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono».
Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre».
Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui.
Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».
____________________________________________________

“Questa parola è dura chi può ascoltarla?”
Ma qual è questa parola così dura? È quella che abbiamo ascoltato in queste domeniche leggendo il capitolo 6 del Vangelo di Giovanni. Sono le affermazioni che Gesù fa di sé come nutrimento della vita dell’uomo. Affermazioni difficili da accettare anche per i suoi discepoli, che pure hanno condiviso con Lui un’esperienza irripetibile. Non lo hanno solo sentito predicare, hanno visto anche i gesti che egli ha compiuto eppure quello che Lui ha detto è troppo, è inaccettabile. Sono parole e pretese troppi forti.

Eppure di parole forti e difficili da vivere è disseminato il Vangelo. Proviamo a pensare al perdono, al discorso sul prossimo, alla richiesta di lasciare tutto per seguirlo, di confidare nella provvidenza, sul matrimonio e sull’ adulterio, e potrei proseguire. Parole che noi cristiani che partecipiamo all’ Eucaristia sentiamo ogni domenica, ma che per molti risultano troppo dure, difficili da accettare, così anche noi ce ne allontaniamo nella prassi, in quella testimonianza di vita che dovremmo dare. Continue reading

Stati Uniti / Esenzione dal vaccino per motivi religiosi. Un’ipotesi per i cattolici. Ma la Chiesa dice no

di Eric Sammons

Steve, marito e padre cattolico, è l’unico percettore di reddito per la sua famiglia. Sua moglie rimane a casa per prendersi cura dei loro quattro figli mentre lui lavora nelle vendite per una grande azienda. Di recente, la sua azienda ha annunciato che richiederà a tutti i dipendenti di ottenere la vaccinazione Covid-19 entro il 1° ottobre o verranno licenziati. Steve, tuttavia, non vuole ricevere l’iniezione a causa della connessione del vaccino con l’aborto.

Steve interpella le risorse umane e scopre che l’azienda consente un’esenzione religiosa, a condizione che un leader religioso firmi una lettera che la sostiene. Steve si rivolge quindi al suo pastore e gli chiede di scrivere una lettera del genere. Il pastore tuttavia esita, perché non sa se l’esenzione sia legittima. Il papa non ha forse detto che vaccinarsi è un dovere morale?

Lo scenario di cui sopra non è ipotetico. In tutto il paese i datori di lavoro, le scuole e le attività commerciali richiedono la vaccinazione di dipendenti, studenti e persino clienti. Il che pone un problema ai cattolici americani. Ogni vaccino Covid-19 attualmente disponibile ha una connessione con l’aborto. Sia che il vaccino sia stato sviluppato utilizzando linee cellulari fetali da un bambino abortito o sia stato testato utilizzando quelle linee, essi sono tutti moralmente compromessi. Come abbiamo già detto, c’è un dibattito tra i cattolici riguardo alla moralità di prendere questi vaccini, ma la Chiesa ha chiarito che nessuno dovrebbe essere obbligato ad assumerli, e che i cattolici dovrebbero spingere per lo sviluppo di vaccini che non siano moralmente compromessi.

Di recente, l’arcidiocesi di New York ha pubblicato un promemoria per i suoi sacerdoti vietando loro di scrivere le lettere che richiedono l’esenzione per motivi religiosi. Quando ho letto questo memo per la prima volta ho pensato che fosse una notizia falsa. Era così poco motivato che non potevo credere che fosse un documento autentico dell’arcidiocesi di New York. Purtroppo, invece, lo è.

La lettera inizia affermando: “A volte sentiamo di cattolici che manifestano una sincera obiezione morale ai vaccini Covid-19 a causa della loro connessione con l’aborto. Questa preoccupazione è particolarmente acuta tra le persone fortemente pro-vita e molto fedeli all’insegnamento della fede” (il corsivo è mio). Continue reading

Omelia per la Sollennità dell’ Assunzione di Maria 2021-

Dal libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo

Si aprì il tempio di Dio che è nel cielo e apparve nel tempio l’arca della sua alleanza.
Un segno grandioso apparve nel cielo: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e, sul capo, una corona di dodici stelle. Era incinta, e gridava per le doglie e il travaglio del parto.
Allora apparve un altro segno nel cielo: un enorme drago rosso, con sette teste e dieci corna e sulle teste sette diademi; la sua coda trascinava un terzo delle stelle del cielo e le precipitava sulla terra.
Il drago si pose davanti alla donna, che stava per partorire, in modo da divorare il bambino appena lo avesse partorito.
Essa partorì un figlio maschio, destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro, e suo figlio fu rapito verso Dio e verso il suo trono. La donna invece fuggì nel deserto, dove Dio le aveva preparato un rifugio.
Allora udii una voce potente nel cielo che diceva:
«Ora si è compiuta
la salvezza, la forza e il regno del nostro Dio
e la potenza del suo Cristo».

Vangelo Lc 1,39-56

________________________________________

Solennità di Maria Assunta in anima e corpo in cielo.  Se oggi, come ci suggerisce la liturgia, siamo invitati a guardare a questa donna, che aderendo al piano che Dio ha su di lei “è innalzata alla gloria del cielo”, io vorrei fermarmi a riflettere su Maria come donna di ogni giorno, come ce la presenta il Vangelo nel brano della visitazione. È, infatti vivendo questa ferialità, alla luce della sua fede, che giunge al cielo. Una ferialità che è quella di tante donne, spose e madri e che lavorano in questo mondo così complesso che ci siamo costruiti addosso.

Un documento del concilio Vaticano II scrive:” Maria viveva sulla terra una vita comune a tutti, piena di sollecitudini familiari e di lavoro”. Io credo che questo tolga ogni immagine ieratica di Maria, che qualcuno potrebbe pensare. Non era una donna che viveva fuori dal mondo, ma nel mondo, certo nel mondo del suo tempo. Donna concreta come lo sono tante del nostro tempo chiamate ad incontrarsi/scontrarsi con i problemi di ogni giorno.

“Viveva una vita comune a tutti.” Io ritengo che questo sia molto importante, soprattutto per noi cristiani. È nella vita comune di ogni giorno che si manifesta, con le nostre scelte, con gli atteggiamenti nei confronti degli altri un sì o un no, per  tutti, credenti o no un’ adesione a quei valori di umanità, di speranza, di libertà e per il credente di fede in cui sostiene di confidare.

A volte ci possono essere richiesti anche gesti eroici, ma è nella quotidianità nel silenzio, nel nascondimento, che manifestiamo quelli che sono i valori che professiamo. Sto pensando a tante donne che vivono tutto questo, senza chiasso, senza titoli sui giornali, ma che sono il perno attorno al quale si regge la famiglia, e questo, purtroppo noi uomini non siamo mica tanto capaci di riconoscerlo. Continue reading

XIX ordinario B- saziati dalla fame o affamati di verità

Dal Vangelo secondo Giovanni
In quel tempo, i Giudei si misero a mormorare contro Gesù perché aveva detto: «Io sono il pane disceso dal cielo». E dicevano: Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.
Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia.
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».
________________________________________________
Continuiamo la lettura del capitolo del Vangelo di Giovanni può essere opportuno richiamare il contesto.

La folla ha vissuto l’ esperienza della moltiplicazione dei pani e dei pesci e vuole fare re Gesù, Egli è sconcertato. Il gesto compiuto aveva la finalità di indurre i discepoli a giocarsi di fronte ai problemi, ma ciò non è stato capito. La folla ha capito che Dio avrebbe definitivamente risolto le loro difficoltà.
Gesù inizia allora un discorso duro con un’affermazione che aumenta ancora di più l’incomprensione.

Egli pretende di essere l’unico in grado di saziare la fame del cuore, una fame che non può essere saziata dalla dimensione del fare, ma quella dell’ essere e per noi cristiani dal credere in Lui.

Certo questo imbarazza un po’ perché se questo è vero quanto vi è di umanamente valido nel Vangelo vale per tutti, credenti e non credenti.
Quei valori a cui tanti si richiamano, riempendosi la bocca, ma non attuandoli praticamente. Sto pensando al valore della solidarietà e alla parabola del buon samaritano. Sto pensando al valore della libertà che permette a Gesù di incontrare i lebbrosi e anche coloro che non sono ebrei guarendo, non dividendo come purtroppo sta accadendo anche oggi fra noi. Continue reading

INTERVISTA A BORGHI (LEGA) «Green pass un ricatto, stavolta non si ascolta l’Europa»

«Il regolamento europeo dice che non ci devono essere discriminazioni tra cittadini, ma il Green pass fa il contrario». Alla vigilia dell’entrata in vigore del lasciapassare verde, la Bussola intervista il deputato Borghi della Lega che ha presentato oltre 900 emendamenti contro il provvedimento licenziato dal governo: «Non potere entrare in un ristorante è un’arma di ricatto. Allora dicano che vogliono l’obbligo e affrontino le conseguenze in Parlamento e nei tribunali. Daremo battaglia sui trasporti: la gente deve avere il diritto di essere libera di viaggiare».

«Molto di quello che sta accadendo sul Green pass non è logico. Allora facciamo così: il governo renda obbligatoria la vaccinazione, ma poi elimini il consenso informato e affronti le cause di risarcimento danni per gli effetti avversi. Troppo comodo questo scarico di responsabilità».

Onorevole Claudio Borghi (Lega), avete presentato più di 900 emendamenti per modificare il decreto che entrerà in vigore domani, anche se la Lega l’ha votato in Cdm. Anche in Lega siete divisi?
Ci sono diverse sensibilità, ed è normale che sia così trattandosi del primo partito italiano. Non è tanto importante quello che pensa un singolo, ma una volta che c’è una linea, ci si attiene a quella. Con questi emendamenti dobbiamo riuscire a creare un consenso trasversale.

Proviamo a raggrupparli per temi…
Ci sono quelli che tendono a eliminare alcune categorie di soggetti a cui è rivolta la prescrizione del Green pass, come ad esempio i ristoratori o i cinema. Assurdo costringere gli esercenti a fare i poliziotti e a controllare la regolarità. Su questi aspetti più “aziendali” speriamo di trovare almeno il consenso di Forza Italia. Poi ci sono quelli su base più etica per chiedere esenzioni in base alle età e qui proveremo a far leva sui Cinque Stelle.

Si riferisce ai giovani?
Esatto. Chiedere il Green pass ai dodicenni, è folle. Dovrebbero essere d’accordo tutti i partiti, esporre a rischi immotivati i ragazzi è davvero folle. Continue reading

VIA LIBERA DI AIFA Vaccino in gravidanza senza l’ok delle case farmaceutiche

Aifa sta allargando le maglie della vaccinazione anche a categorie alle quali le stesse case farmaceutiche Pfizer e Moderna la sconsigliano del tutto o dicono di attendere. Come le donne incinte. In quasi tutti i paesi europei il vacino è off limits per bambini e adolescenti, in molti è permesso solo ai giovani fragili o malati. Da noi invece si sta facendo di tutto per eliminare le resistenze. A che cos’altro deve portare questa forzatura italiana se non a imporre un obbligo di vaccinazione di massa?

La campagna vaccinale sta avendo una impressionante accelerazione. E’ sempre più evidente che il vaccino anti Covid sta diventando un obbligo di fatto. Le pressioni politiche – da Mattarella a Draghi fino a Confindustria e ai partiti dell’arco vaccinale – sono sempre più forti, così come le pressioni psicologiche e ambientali.

Inoltre, è sempre più evidente che l’obiettivo è la vaccinazione globale, di ogni individuo, nessuno escluso, cercando di abbassare ulteriormente l’età dei vaccinati, scendendo sotto gli attuali dodici anni, per arrivare a sei, con tanto di green pass per bambini. Il tutto nonostante che in mezza Europa i vaccini anti-Covid non siano stati autorizzati per i minorenni, o al massimo siano stati raccomandati solamente agli adolescenti con fragilità. Stati europei quali Croazia, Portogallo, Irlanda, Islanda, Norvegia e Ucraina non hanno autorizzato l’uso del vaccino anti-Covid sui minori, mentre altri Paesi come Germania, Gran Bretagna, Svezia, Finlandia, Belgio, Olanda e Lussemburgo hanno deciso di raccomandare la profilassi solo agli under 18 con disabilità e fragilità, sconsigliandola agli altri adolescenti.

Ma non sono solo i bambini il target dei vaccinati (ovviamene con vaccini a mRNA): negli ultimi giorni si sono avute delle indicazioni da Aifa in merito alla vaccinazione delle donne in gravidanza che alcune regioni – tra cui la Lombardia – hanno immediatamente recepito. Così, la vaccinazione anti Covid non solo è permessa – nonostante le donne gravide sono esentate dal Green Pass, ma addirittura è raccomandata. Secondo Aifa può essere effettuata in qualunque trimestre, quindi anche nelle fasi iniziali della gravidanza, quando il rischio di arrecare danni all’embrione è più alto. In un passaggio si legge: “La donna non deve smettere di cercare la gravidanza se desidera fare la vaccinazione”. E’ fondamentale notare che la stessa Pfizer inizialmente nelle proprie indicazioni sconsigliava la vaccinazione in gravidanza così come durante il periodo di allattamento, mentre ora Aifa ci dice che la vaccinazione è raccomandata in allattamento, e l’allattamento non va sospeso. Infine, non è più necessario essere in possesso di un certificato del ginecologo per fare la vaccinazione. Anche qui si va ben oltre le indicazioni delle stesse case farmaceutiche. Continue reading

XVIII Domenica Ordinario B – La gente vuole dei segni… e un pane che sfami per sempre …

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, quando la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: «Rabbì, quando sei venuto qua?».
Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo».
Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?». Gesù rispose loro: «Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato».
Allora gli dissero: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: “Diede loro da mangiare un pane dal cielo”». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo».
Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane». Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».
___________________________________

Nel brano del Vangelo ci viene detto che la folla va alla ricerca di Gesù …
Se dobbiamo guardare oggi non c’ è tutta questa voglia di andare alla ricerca di Gesù. Certo andare alla ricerca di qualcuno che ci possa risolvere i problemi tipo con la bacchetta magica tutti sono desiderosi, ma non è quella la realtà. Anche di fronte alla figura di Gesù e di quello che compie se da una parte può entrare l’illusione di avere come una sorta di lasciapassare di fronte alle difficoltà, alle miserie, alle debolezze della vita, rimangono sempre interrogativi profondi che vengono suscitati e non solo dalla visione della fede, ( anche quella non è un lasciapassare, va continuamente riconfermata, come il sì che gli sposi pronunciano nel matrimonio, che deve poi essere coniugato giorno per giorno), ma interrogativi nascono anche dal punto di vista dell’uomo, della sua dignità e grandezza allo stesso tempo, come delle sue debolezze, fragilità, imperfezioni.

Noi oggi siamo affamati di certezze, come lo erano quelli che interrogavano Gesù: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: “Diede loro da mangiare un pane dal cielo”».
Non solo viviamo la mentalità che è vero solo quello che è sperimentabile, toccabile, pratico., il resto filosofie o religiosità arcaica.
Questo ci fa perdere una grande realtà, una grande dimensione della nostra vita. Ricordo sempre una battuta di un film in cui il protagonista, ad un certo punto di un dialogo, chiede al suo interlocutore: “Tu credi solo a quelle cose che si vedono?”

Vi sono cose molto reali, molto concrete che fanno parte di noi, ma che diamo per scontate o sulle quali non perdiamo mai dieci minuti a soffermarci e a pensare.
Proviamo a dirne qualcuna? I vostri pensieri in questo momento, che possono essere anche del tipo come la tiene lunga, dove vuole arrivare.
Io non li conosco se non me lo dite voi, ma ci sono, reali e concreti, ma non li afferro, non li tocco, non posso trattenerli se non dentro di me e condividerli con quelli a cui voglio farli conoscere.

I sentimenti: paura, gioia, gratitudine, benevolenza, sono veri, reali concreti ne vediamo gli effetti, potremmo anche descriverli con delle immagini, quanto poi a toccarli, a stringerli come si fa con una poltrona, e visto che siamo in clima di ferie, con un lettino sulla spiaggia si fa fatica.

Credo che a tutti, credenti e non venga offerta un’occasione importante da questo testo, quella di ripensare la nostra interiorità. A noi che celebriamo questa Eucaristia ancora interrogarci se siamo venuti qui a cercare Gesù e perché. Se abbiamo questa voglia di incontrarci, di confrontarci o se cerchiamo solo segni di un miracolismo vuoto che non fa crescere nella fede. Allora carissimi accogliamo il consiglio che ci viene dato: “Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà”

Non cerchiamo segni, ma con fiducia andiamo oltre, non da soli, ma sostenuti per chi crede dalla fede, ma per tutti dalla speranza.

Allora vorrei concludere con quello che diceva Chrles Peguy sulla speranza:
“bambina irriducibile” molto più importante delle sorelle più anziane (fede e carità) che “va ancora a scuola/e che cammina/ persa nelle gonne delle sue sorelle”. Ma è più importante delle sue sorelle perché “E’ lei, quella piccina,che trascina tutto/perché la fede non vede che quello che è/e lei vede quello che sarà/la Carità non ama che quello che è/ e lei ama quello che sarà/Dio ci ha fatto speranza”. Anche se le immagini che ci arrivano sono di una violenza assurda non bisogna perdere la speranza perché è questa speranza bambina che va ancora a scuola che “vede quello che sarà” e “ama quello che sarà”.

Qydiacdon, deo gratias

XVII domenica ordinario B – Fame… ?

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù passò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei.
Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere. Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo».
Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: «C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cos’è questo per tanta gente?». Rispose Gesù: «Fateli sedere». C’era molta erba in quel luogo. Si misero dunque a sedere ed erano circa cinquemila uomini.
Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede a quelli che erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, quanto ne volevano.
E quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto». Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d’orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato.
Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, diceva: «Questi è davvero il profeta, colui che viene nel mondo!». Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo.

________________________________

È bellissima questa pagina del Vangelo perché sembra porre in antitesi Gesù con i suoi discepoli. Lui predica, compie dei segni, ma alla fine  vi è un bisogno concreto la gente che ha seguito Gesù deve essere sfamata.

Ecco perché all’inizio di questa nostra riflessione metterei una parola: FAME.

Quanti tipi di fame ci sono oggi nel nostro mondo attuale, nella nostra società, e se ce ne è anche nei nostri cuori?
Oggettivamente oggi le persone che soffrono per fame e malnutrizione nel mondo secondo dati ufficiali sono circa 690 milioni di persone, ovvero l’8,9% della popolazione mondiale. (dati della FAO).
Fame vera, concreta, che ci interpella.

Come ci interpellano le parole del Vangelo: “Date a loro voi stessi da mangiare”? Quello che avviene è qualcosa che va capito e interpretato, è un segno.

Se lo intendiamo solo dal piano materiale, concreto della fame che vi è nel mondo oggi, e ve ne è bisogno, non possiamo rispondere come Filippo e Andrea: “Come fare non vi sono abbastanza risorse.” Con questa risposta continuiamo a salvaguardare un benessere spropositato, oggi messo in crisi da qualcosa che chiamiamo Pandemia, ma che in realtà non è poi così chiaro oltre il livello sanitario.
Occorrono fatti concreti per migliorare le vite di tanti, per ridare ciò che un sistema si è impossessato attraverso colonialismo e multinazionali. Un sistema che continua tuttora con quello che viene definito colonialismo economico.

Nel Vangelo la merenda di un ragazzo ha cambiato la vita di cinquemila persone, immaginiamo cosa possiamo fare noi, dico noi cristiani se ci mobilitiamo seriamente, anche se in parte già lo facciamo, per fortuna. Ma non solo noi anche tante altre persone semplici di buona volontà, lasciando perdere organizzazioni machiavelliche e farraginose che alla fine trattengono la maggior parte delle risorse.

Siccome l’uomo non è fatto solo di ciccia e muscoli vi è però anche un’altra fame, poco avvertita, quella che un commentatore ha chiamato inappetenza spirituale.
Sì, perché vi è in noi una dimensione spirituale. Vi è fame di sentimenti veri, di valori, di relazione autentiche, di pace interiore, di vita, di eternità
Questa fame, come un pugno nello stomaco si avverte evidente in certi momenti, spesso in quelli dello sconforto o quando ci ripensiamo un po’, riguardando la nostra vita.

La conclusione del Vangelo lascia l’amaro. Coloro che hanno seguito Gesù non hanno capito che, per coloro che gli credono, Egli è venuto a dare la risposta a queste due tipi di fame: quelle materiale, amerai il prossimo tuo come te stesso sia, per il credente, quella spirituale: amerai Dio. Il segno narrato che viene compiuto non deve essere letto come la sicurezza di avere pane e pesci e la pancia piena, tanto è vero che Gesù si distacca dalla folla.

Stiamo attenti, quindi, cari cristiani, perché non siamo di quelli che vivono dai “tetti in su”, come scrive un commentatore, che dedicano allo spirito un’ora alla settimana ed alla carne tutto il resto del tempo. Insieme si curano corpo e mente, anima e stomaco. Non facciamo solo dei bei discorsi scordandoci del prossimo cha ha bisogno di noi e ci interpella.

Metteremo anche noi a disposizione i cinque pani e i due pesci che abbiamo, assieme a tanti uomini e donne di buona volontà anche non credenti, che già lo fanno?

Deo gratias qydiacdon