Mons. Schneider raccomanda una Preghiera di riparazione per gli atti idolatrici commessi durante il Sinodo per l’Amazzonia

Mons. Athanasius Schneider, vescovo ausiliare di Astana (Kazakistan), ha raccomandato una “Preghiera di riparazione per gli atti idolatrici commessi durante il Sinodo per l’Amazzonia”, spiegando che essa deve essere intesa come un “aiuto per i fedeli” assieme ad altri atti di riparazione come la celebrazione di Sante Messe, l’adorazione del Santissimo Sacramento, la recita del Santo Rosario ed altre pratiche devozionali. Questo il testo della preghiera:

Preghiera di riparazione per gli atti idolatrici
commessi durante il Sinodo per l’Amazzonia

Santissima Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo, ricevete dal nostro cuore contrito, attraverso le mani dell’Immacolata Madre di Dio e sempre Vergine Maria, un sincero atto di riparazione per gli atti di venerazione di idoli e simboli di legno, avvenuti a Roma, la Città Eterna e cuore del mondo cattolico, durante il Sinodo per l’Amazzonia. Effondete nel cuore del nostro Santo Padre Papa Francesco, dei Cardinali, dei Vescovi, dei sacerdoti e dei fedeli laici, il Vostro Spirito, affinché ne scacci l’oscurità delle menti, e loro possano riconoscere l’empietà di tali atti che hanno offeso la Vostra divina Maestà e Vi offrano atti di riparazione pubblici e privati.

Riversate in tutti i membri della Chiesa la luce della pienezza e della bellezza della Fede cattolica. Accendete in loro lo zelo ardente di portare la salvezza di Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo, a tutti gli uomini; specialmente alle persone nella regione amazzonica, che sono ancora sotto la schiavitù degli idoli sordi e muti della “madre terra”. Accendete la luce della fede in quelle persone, specialmente nelle persone delle tribù amazzoniche, che non hanno ancora la libertà dei figli di Dio e che non hanno la gioia indicibile di conoscere Gesù Cristo e avere in Lui parte alla vita della Vostra natura divina.

Santissima Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo, Voi l’unico vero Dio, al di fuori del Quale non c’è altro dio e nessuna salvezza, abbiate pietà della Vostra Chiesa. Guardate in particolare le lacrime, i gemiti umili e contriti dei piccoli nella Chiesa; guardate le lacrime e le preghiere dei fanciulli, degli adolescenti, dei giovani e delle giovani, dei padri e delle madri della famiglia e anche di quei veri eroi cristiani, che nel loro zelo per la Vostra gloria e nel loro amore per la Santa Madre Chiesa hanno gettato nell’acqua i simboli dell’abominio che l’hanno sporcata. Abbiate pietà di noi: risparmiateci, o Signore! Parce Domine, parce Domine! Abbiate pietà di noi! Kyrie, eleison! Amen.

Atto di affidamento alla Madonna di Fatima quando hai un turbamento interiore

Beata Maria Vergine di Fatima, con rinnovata gratitudine per la tua presenza materna

uniamo la nostra voce a quella di tutte le generazioni che ti dicono beata.

Celebriamo in te le grandi opere di Dio, che mai si stanca di chinarsi

con misericordia sull’umanità,

afflitta dal male e ferita dal peccato,

per guarirla e per salvarla.

Accogli con benevolenza di Madre Continue reading

Preghiera contro la rabbia e le esplosioni di impazienza

“Concedimi la grazia di respirare a fondo, di trattenere le mie esplosioni, di raffreddare la mente e imparare ad aspettare con autocontrollo, finché l’esasperazione diminuisce e io possa riflettere con serenità”

Questa supplica è un adattamento della preghiera proposta da padre Reginaldo Manzotti per la liberazione dal dolore e dal rancore.

Preghiera contro la rabbia nel cuore

Signore Gesù, Tu sai curare i cuori feriti e tribolati.

Ti prego di curare le ferite che tormentano il mio cuore. Ti chiedo in particolare di curarmi da tutta la rabbia che infiamma il mio cuore.

Permetto, Signore, che Tu entri nella mia vita, nella mia anima, ed elimini da questa tutta la rabbia che custodisco nel cuore, momentanea o duratura.

Signore Gesù, Tu conosci i miei problemi, le mie angosce, le mie limitazioni: li metto tutti nelle Tue Sante Piaghe.

Ti chiedo, per le Tue Cinque Piaghe, dalle quali viene effusa tutta la Misericordia, di curare tutte le ferite nel mio cuore, grandi e piccole, soprattutto quelle provocate dalla mia rabbia, dalla mia furia, dalla mia ira. Continue reading

Preghiera contro i pensieri malvagi

O Signore mio Dio, “non allontanarti da me; Dio mio, volgiti in mio aiuto” (Salmo 70,12); ché vennero contro di me vari pensieri e grandi terrori, ad affliggere l’ anima mia. Come ne uscirò illeso, come mi aprirò un varco attraverso di essi?

Dice il Signore: io andrò innanzi a te e “abbatterò i grandi della terra” (Isaia 45,2). Aprirò le porte della prigione e ti rivelerò i più profondi segreti. O Signore, fa’ come dici; e ogni iniquo pensiero fugga dinanzi a te. Questa è la mia speranza, questo è il mio unico conforto: in tutte le tribolazioni rifugiarmi in te, porre la mia fiducia in te; invocarti dal profondo del mio cuore e attendere paziente mente la tua consolazione.

Da: L’ Imitazione di Cristo

Gesù stesso ci ha donato una preghiera per la conversione di un amico o un familiare

Nostro Signore ha detto a Santa Faustina che avrebbe garantito la grazia della conversione a chiunque avesse recitato questa preghiera con fede

Tutti noi conosciamo qualcuno, un amico o un familiare, che sta cercando di rimanere lontano da Dio. Per quanto vogliamo influenzarlo con le nostre parole o le nostre azioni, insiste a tenerlo fuori. La nostra ultima risorsa (che poi dovrebbe anche essere la prima) è pregare per quella persona, chiedendo a Dio di effondere le sue grazie su di lui/lei.

Un modo per farlo è recitare questa preghiera rivelata a Santa Faustina da Gesù stesso.

La santa ha sperimentato molte visioni mistiche di Gesù, e in una di esse Egli le ha suggerito quanto segue:

Continue reading

Le Sette Invocazioni da ripetere per ottenere una grazia dall’Arcangelo Raffaele

Questa è considerata una delle preghiere più efficaci per chiedere aiuto all’ “angelo guaritore”. E’ stata scritta dal beato Bartolo Longo

Raffaele è insieme a Gabriele e Michele uno dei tre Arcangeli riconosciuti dalla Chiesa. Si festeggia il 24 ottobre, e molte persone chiedono il suo aiuto attraverso preghiere perché Raffaele è considerato l’angelo guaritore (il suo nome significa Medicina o Guarigione o Cura di Dio).

Il beato Bartolo Longo, fondatore del culto della Madonna del Rosario a Pompei, è l’autore delle Sette Invocazioni che si recitano per chiedere una grazia particolare all’Arcangelo Raffaele, come riportano Marcello Stanzione e Carmine Alvino in “Gli angeli del beato Bartolo Longo” (edizioni Segno)

Preghiera

I.

Eccelso Arcangelo San Raffaele, voi che col vostro nome medesimo, che significa medicina di Dio, ci fate palese la vostra virtù ed il vostro carattere, guarite, vi supplico, l’anima mia da tutte le infermità spirituali, dalle quali ritrovasi molestata.

Pater, Ave, Gloria.

Sia benedetta la SS. Trinità per le grazie concedute a San Raffaele Arcangelo

II.

O Arcangelo potente, che quantunque siate uno dei sette ragguardevoli Spiriti assistenti al Trono dell’Altissimo, vi degnaste sotto nome di Azaria servir di guida al giovane Tobia, quando si doveva portare a Rages per riscuotere un grosso credito da Gabelo; aiutatemi, acciocché da voi apprendendo la vera umiltà, mi sottometta volentieri, secondo le varie congiunture, alle persone più basse e infime, e mi adatti a soccorrerle nei loro travagli.

Pater, Ave, Gloria.

Sia benedetta la SS. Trinità, ecc.

III.

O benigno Arcangelo, che con piacere ed esito felice spargeste i vostri savii e celesti insegnamenti nell’animo del ben avventurato e docile giovine in tutto il vostro viaggio, rendete ancora pieghevole alle vostre ispirazioni il mio cuore, affinché sia puro in ogni azione che intraprendendo nel corso di mia vita.

Pater, Ave, Gloria.

Sia benedetta la SS. Trinità, ecc.

IV.

O sapiente Arcangelo, che stando Tobia già vicino ad essere divorato dal mostruoso pesce alla riva del fiume Tigri, gli deste insieme coraggio ad afferrarlo per le branchie e levargli il cuore, il fegato e il fiele, per trarne prodigiosi vantaggi; date a me similmente valore, acciocché non sia fatto preda dei tre capitali nemici, anzi, combattendo intrepidamente, abbia da ricavare profitto e merito dalle loro insidie medesime.

Pater, Ave, Gloria.

Sia benedetta la SS. Trinità, ecc.

V.

O purissimo Arcangelo, che liberaste Sara, figlia di Raguele, dal demonio Asmodeo da cui era tormentata, e quel demonio rilegaste nel deserto dell’Egitto; deh, liberate l’anima mia dallo spirito immondo, e rilegatelo in lontananza da me, acciocché io mai più sia vinto, né infestato da così lusinghiero nemico.

Pater, Ave, Gloria.

Sia benedetta la SS. Trinità, ecc.

VI.

O fulgidissimo Arcangelo, medicina di Dio, che insegnaste a Tobia la maniera di togliere la densa nebbia dagli occhi del vecchio Padre, e così rendergli perfettamente la vista; togliete ancora qualunque velo dagli occhi della mia mente, acciocché io con chiarezza conosca il voler di Dio, e possa fedelmente e con perseveranza servirlo.

Pater, Ave, Gloria.

Sia benedetta la SS. Trinità, ec

VII.

O benefico Arcangelo, voi finalmente, che dopo aver custodito sano ed incolume Tobiolo, ricolmatolo di ricchezze, col- la eletta sua sposa lo rendeste al padre; deh, vegliate sopra di me vostro umile servo, acciocché mantenendomi illeso da ogni macchia di colpa, possa dopo l’umano pellegrinaggio, colmo di virtù ed ornato della veste nuziale, essere presentato al mio celeste Padre. E così sia.

Pater, Ave, Gloria.

Sia benedetta la SS. Trinità, ecc

Da Aleteia

Preghiera a Sant’Antonio Abate per avere la saggezza

Sant’Antonio veniva cercato da molti per la sua saggezza e la santità di vita. Nel Segno della Croce ha trionfato sul Diavolo

Anche se ha trascorso la maggior parte della sua vita nella solitudine del deserto, Sant’Antonio Abate era assai noto per la sua saggezza, e ha attirato molti seguaci che cercavano di imitare il suo stile di vita e di imparare dai suoi anni di preghiera e digiuno.

Vogliamo proporvi una semplice preghiera a Sant’Antonio che gli chiede non solo di intercedere per un’intenzione specifica, ma supplica anche Dio dicendo: “Attraverso la sua intercessione, fa’ che possiamo imparare ad amarti meglio; con tutto il nostro cuore, tutta la nostra anima, tutta la nostra mente, tutta la nostra forza; e ad amare il prossimo come noi stessi”. Continue reading

Preghiera per la Solennità dell’Epifania

A loro bastò un segno nel cielo
per mettersi in cammino
e andare alla ricerca di un nuovo re.
E io Signore?
Che cosa sono disposto a lasciare
quale avventura voglio vivere
dopo tutti i segni che tu mi hai offerto?
Forse, Signore, mi sono ormai abituato
anche a molti segni della tua bontà
e ti chiedo qualcosa di sempre più grande
perchè solo allora – mi dico –
potrò correre dei rischi per te. Continue reading